Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Channel Catalog


Channel Description:

A garage for special motorcycles and cafe racers.
    0 0
  • 11/20/17--09:30: CX Orange

  • CX500 by LV Custom











    Inazumized photos by Sam Haeata 

    https://www.lvcustom.co.uk/



    0 0
  • 11/20/17--16:27: 10 million

  • In case you haven't noticed, Inazuma Cafe scored 10,000,000 views (and counting...)
    Thank you readers!



    0 0
  • 11/20/17--22:33: Brat Boy

  • Bonneville T100 "Brat boy" by K-Speed 




















    Inazumized pics by Overridephoto



    0 0
  • 11/21/17--08:30: Duetto: The Graduate's car

  • 1967 Alfa Romeo 1750 Spider Veloce, a.k.a. "Duetto": 1,779 cm³ 114HP 1040kg




















    0 0
  • 11/21/17--23:30: Benelli 600 Sports

  • Benelli 600 Cafe - Italian Bike, made in China, rebuilt in Thailand














    0 0
  • 11/22/17--08:30: Alta Via

  • How to recover an old Motoguzzi NTX750 and make a fashionable dual purpose special bike out of it... Build #30 by Officine Sbrannetti; "Alta Via".




















    0 0
  • 11/23/17--23:01: XJR Muss

  • Yamaha XJR 1.3 by Matteo Muss 







    Photos by Alessio Trebbi




    0 0
  • 11/25/17--04:55: CB Geisha

  • Honda Seven Fifty custom Cafe













    https://www.facebook.com/trongtinlk

    Photos by Lưu Khúc - Long Khanh, Viet Nam

    0 0
  • 11/25/17--09:57: Inazuma BB

  • The Barn Brothers' build no. 4: GSX1200 Inazuma














    Inazumized photos: Mark Meisner Motografie en Judith Leussink 


    Barn Brothers - Wilp, Holland

    0 0
  • 11/26/17--00:00: Black Moon

  • MotoGuzzi V35c "Black Moon" Total black brat-bob 


















    Bombay Street Garage - San Benedetto del Tronto (AP), Italy

    0 0
  • 11/26/17--03:30: CN 250

  • Back to essential CN250





    Inazumized color scheme



    0 0
  • 11/26/17--05:11: UYC - Up Yours Copper

  • The awesone Triumph Bonneville 900 by DMOL - Death Machines of London

    Starting from the frame, it has been finished in a deep coat of Beluga Black, it's been de-lugged, weld cleaned and extensively modified with an entirely new rear. Engine work comprised of a gas flowed cylinder head and remapped fuelling to suit the custom exhaust system. The fuel pump and injection system have been remodelled and uprated with the oil cooler being removed as a weight reduction measure. The custom velocity stacks, designed to assist the remapped fuelling programme, feature a brushed outer and mirror polished interior surface with etched brass grills and DMOL logo inlays. The sprocket is protected by a custom cage, which also features solid brass grills and an engraved name plate. Custom designed and copper coated injection caps together with powder coated engine covers and a copper plated cam cover complete the reconditioned 900. The bespoke exhaust system features ceramic coated pipes and a carbon fibre muffler terminating through the rear light cluster in the purpose-designed copper-plated nozzle. According to the builder, the ceramic pipes expel as much heat as possible before entering the muffler. The nozzle itself then features further heat-shielding and is designed so no parts touch the light cluster. At the point of ejection, sufficient heat has been discarded to be (just) within the heat tolerance levels of the light units plastic housing. For the wheels, both of which carry Avon Trail Rider tyres, a front 100/90x19inch was used on a 2.15 mild steel rim, with a 160/60x17inch on a 3.5 mild steel Harley style rim for the rear. Both were electroplated in copper, then laced using black anodised spokes and nipples. The front brakes were then stripped and modified with a custom Fontana four leading shoe assembly. The front to the Fontana brake assembly, and the rear of the original hub, along with the sprocket carrier and sprocket, were powder coated black. On the forks, the front lowers underwent remodelling with re-valved internals uprated with progressive springs. The rear shock absorbers are remodelled, 20mm over stock, Hagon units. The handlebar, handbent using a custom form, is welded from underneath to a slotted top clamp. The clamp continues down through the yoke into copper spacers which hold the light cowl assembly in place. On the bars, the right grip conceals an internal throttle assembly, while the left features very elegant finger-tip controls for the lighting and horn. Both feature machined grips with in-house levers in brushed aluminium. The grips, as well as the foot pegs and copper washers, feature a signature single-spiral knurl pattern, which is then finished smooth. All the cables are also custom made. For electrics, an in-house designed loom feeds to the main switch, which in this case is a 1940 Supermarine Spitfire Mk1 magneto. The first magneto sets the bike live, while toggling the second engages the starter motor. The magneto switch is the only item on the entire machine that has been left in its original condition, to emphasize the astonishing mechanical and fabrication skills of the Spitfire engineers. The battery is held in a custom case situated between the foot pegs. The brushed aluminum light cowl houses a 7” military-specification LED headlamp, as well as the bespoke solid brass speedometer. The brass was precision-etched using photolithography, a process more often used in micro-fabrication than in bike building. And, effectively, a lot of this bike details recall the mechanism of a precision watch. The fuel tank is fitted with an aero style filler which is itself covered with a brass plate engraved with the Hunter S. Thompson quote: “Faster, faster, until the thrill of speed overcomes the fear of death.”. The hand-stitched and tanned leather tank strap is made from fine saddle hide and is completed with an in-house brushed aluminium strap clamp. The seat is hand-carved from American Walnut by Ben Heeney at Ian Dunn Woodwork and Design in London, it's been meticulously constructed out of seventeen parts in order to maintain a consistent grain pattern within the highly complex compound curves of the riders form and it is finished with several coats of Danish Oil. Builders state that it is exceptionally comfortable as the aggressive stance of the machine carries the majority of the weight distribution through the pegs, tank and bars, and the seat itself is primarily there to aid balance. Finally, the paintwork was kept as simple as possible to underline the fine materials used in the build. The engine is finished in satin and matt black, with the DMOL logo polished out of the fins. The tank carries a satin black finish with gloss hairline delineating it from the hand-brushed aluminium.


    Partiamo dal telaio: è stato verniciato a polvere color nero Beluga, è stato ripulito dagli attacchi, saldato e modificato con un posteriore completamente nuovo. Gli interventi sul motore hanno previsto la lavorazione della testata, la lucidatura dei condotti e una completa rimappatura per adattarsi al nuovo sistema di scarico. La pompa carburante e il sistema di iniezione sono stati oggetto di revisione e potenziamento, mentre il radiatore dell'olio è stato rimosso per ridurre il peso. I cornetti di aspirazione, progettati per la nuova carburazione e mappatura, hanno la superficie interna spazzolata e lucidata a specchio con griglie in ottone e inserti col logo DMOL. Il pignone è protetto da una gabbietta artigianale, con grate in ottone massiccio e targhetta incisa. I coperchi dei finti carburatori sono rivestiti in rame, i carter sono verniciati a polvere e il coperchio della testa è stato placcato in rame. Il sistema di scarico artigianale ha collettori rivestiti in ceramica e un silenziatore in fibra di carbonio che sfocia nel gruppo ottico posteriore attraverso un ugello placcato in rame, appositamente progettato. Secondo il costruttore, i tubi di ceramica espellono la maggior parte del calore prima di entrare nel silenziatore. Lo stesso ugello presenta un'ulteriore schermatura termica ed è progettato in modo che nessuna parte tocchi il gruppo ottico. Al momento dell'espulsione, il gas di scarico è raffreddato quanto basta a non danneggiare le componenti plastiche dell'unità di illuminazione. Per le ruote, entrambe dotate di pneumatici Avon Trail Rider, è stato utilizzato un 100/90x19 su cerchio in acciaio da 2,15 per l'anteriore, e un 160/60x17 su cerchio Harley in acciaio da 3,5 pollici al retrotreno. Entrambi i cerchi sono stati galvanizzati in rame, quindi montati con raggi e nipples anodizzati neri. Il disco anteriore è stato sostituito con un nuovo tamburo Fontana. La parte anteriore del gruppo freno Fontana e la parte posteriore del mozzo originale, insieme al pignone, sono stati verniciati a polvere nera. L'idraulica della forcella è stata rivista con nuove valvole e molle progressive. Gli ammortizzatori posteriori sono stati sostituiti con unità Hagon con interasse di 20mm in più di quello di serie. Il manubrio, piegato a mano, è saldato dal basso alla piastra superiore di sterzo. La piastra, asolata, prosegue verso il basso attraverso il giogo di distanziatori di rame che mantengono in posizione il faro anteriore. Sul manubrio, l'impugnatura destra nasconde il comando del gas, mentre la sinistra è dotata di eleganti comandi da azionare in punta di dita per l'illuminazione e l'avvisatore acustico. Le leve sono in alluminio spazzolato. Le manopole, così come le pedane e i terminali in rame, sono caratterizzate da un  motivo zigrinato a spirale singola, che viene poi rifinito liscio. Tutti i cavi sono realizzati su misura. Per l'impianto elettrico, un cestello artiginale collocato internamente accoglie l'interruttore principale, che in questo caso è un magneto Supermarine Spitfire Mk1 del 1940. Il primo magnete collega l'impianto, mentre il secondo è per l'avviamento. L'interruttore è l'unico elemento di questa macchina  stato lasciato originale, per sottolineare le straordinarie capacità meccaniche e di fabbricazione degli ingegneri Spitfire. La batteria è contenuta in una custodia artiginale tra le pedane. Il fanale anteriore in alluminio spazzolato ospita un proiettore LED da 7" realizzato su specifiche militari e il tachimetro artiginale in ottone massiccio. L'ottone è stato inciso con precisione utilizzando la fotolitografia, un processo  utilizzato più spesso nelle micro-fabbricazioni che non nelle costruzioni motociclistiche. E, in effetti, molti dettagli di questa moto richiamano i meccanismi di precisione degli orologi meccanici. Il serbatoio  è dotato di un tappo aeronautico con una guarnizione in ottone massiccio incisa con la frase di Hunter S. Thompson: "Ancora più veloce, finché il brivido della velocità supera la paura della morte". La fascia in cuoio cucita a mano sul serbatoio  è realizzata in pregiata pelle pieno fiore conciata ed è completata da una fibbia in alluminio spazzolato. La sella in legno massello è stata realizzata a mano in noce americano da Ben Heeney di Ian Dunn Woodwork and Design di Londra. E' stata costruita meticolosamente con diciassette pezzi in massello in modo da mantenere forme e grana coerenti con l'ergonomia del pilota ed è stata rifinita con diversi strati di olio danese. I costruttori affermano che è eccezionalmente confortevole perchè l'aggressiva posizione di guida comporta Infine, la verniciatura è stata mantenuta il più semplice possibile per sottolineare la finezza dei materiali utilizzati nella costruzione. Il motore è rifinito nero opaco satinato, con il logo DMOL levigato sull'alettatura.Il serbatoio ha finitura nera satinata con sottile linea lucida che ne delinea i fianchi in alluminio spazzolato a mano.


















    David Clerihew Photography




    0 0
  • 11/26/17--23:30: Tumultus 130

  • Dario De Nichilo's Aprilia Tuono 1000 V2 130HP 

    Turning a modern motorcycle with a perimetr frame into a cafe racer is an idea that not many builders consider suitable. At Ireful Motorcycles, Dario and friends wanted to turn this idea into reality and they did it starting from a powerful Aprilia Tuono. The rear subframe and the bodywork have been completely redisigned and custom built in aluminum. The electrics have been also completely re-engineered and feature a new LED frontlight, hidden indicators and a remote start control which only works when the neutral gear is in. Since riding this bike is a riot of emotions, the result of the project has been accordingly named "Tumultus"... 

    Trasformare una moto moderna con tanto di tealio perimetrale in una cafè racer è un'idea che non molti costruttori considerano. Alla Ireful Motorcycles, Dario e compagni hanno voluto trasformare questa idea in realtà e l'hanno fatto partendo da una potente Aprilia Tuono. Il telaio posteriore e la carrozzeria sono stati completamente riprogettati e costruiti artiginalmente in alluminio. Anche l'impianto elettrico è stato completamente riprogettato e presenta un nuovo faro anteriore a LED, indicatori di direzione nascosti e un telecomando per l'avviamento che funziona solo con il cambio in folle. Poiché guidare questa moto è un tripudio di emozioni, la moto è stata battezzata "Tumultus"... 















    Ireful Motorcycles - Milan, Italy

    0 0
  • 11/28/17--00:23: VMax Racer

  • VMAX m.y. 2009: 1,687cc 200HP. Custom rebuilt, carbon bodywork.













    0 0
  • 11/28/17--17:57: The Thai Bandit

  • GSF750 Bandit (Japan model) by Tony's Bike Design







    0 0
  • 11/29/17--08:17: Huracàn

  • Hurakàn, the God of evil: custom HD Shovel frame, S&S 1.6lt engine, state of the art suspensions, by Lorenzo Fugaroli

    Hurakàn was the name of one of the ancient Mayan creator gods, who blew his breath across the Chaotic water and brought forth dry land and later destroyed the men of wood with a great storm and flood. That’s why nowadays we use the word Hurricane to identify the tropical cyclones in the Caribbeans.

    Hurakàn era il nome di una delle antiche divinità creatrici Maya: Dio delle tempeste, soffiò sull'oceano e ne fece emergere la terra. Ecco perché oggigiorno usiamo la parola Hurricane per identificare i cicloni tropicali dei Caraibi.


    The idea behind this 6-months project was to have a unique, handmade, café racer build, highly powerful and with excellent dynamic and road holding features. Form and shapes of the bike have been designed from scratch and are based on the aerodynamic needs and chassis vital sizes. According to the FMW philosophy, a motorcycle must be fully drivable and highly performing while remaining a real piece of art. Everything starts from the frame, coming from a 1968 Harley Davidson Shovel: not exactly what you would look for to build a café racer, but definitely something iconic and potentially suitable for anything fast and furious. Obviously the project implied heavy modifications to the cradle, necessary to fit a new big block engine, and to the subframe, essential to give the bike the proper stance and shape of a racer. The new engine is a venerable S&S 96" Super Stock, capable of at least 95HP and 100 ft-lbs of torque. The stock swing arm has been lengthened and strengthen with a proper truss in order to make possible to use a new Bitubo monoshock, expressly built for this bike. The front-end is Showa, coming from a MV Agusta F4 with new hydraulic system tuned for the stance of the bike. The match HD/MV has been expressly chosen as a tribute to the failed merger between the two motorcycle brand that, few years ago, made the bikers dreaming about unique innovative charming motorcycles… But the dream never came through. The triple tree plates are billet hand-made. The braking system features two 6-piston Nissin calipers at the front and one Performance Machine caliper at the rear-end, both biting custom made stainless steel floating disks. The powerful 1.6 liter big twin’s features a BDL belt primary transmission, while the power is sent to wheel via a classic chain. The gearbox is coming from a 1990 Softail modified with a hydraulic clutch actuator. The feed is provided by a Mikuni flat valve 48mm carb which breath through a custom solid brass velocity stack. The bespoke stainless steel exhaust system includes two 45mm 2 in 1 collectors and a 60mm silencer. The new bodywork and the details have expressly built in 3mm hand-shaped aluminum and has been designed to withstand the good and strong vibrations of the powertrain. The engine fairing hides the oil filter and it’s shaped to cool the 5 kg of oil necessary. The fuel tank and the tail are made up of two elements and hide the fully reengineered electrics. The front light is coming from a MV Brutale, while the dashboard and the electric controls are supplied by Motogadget. The ignition is handled by a NFC system. The wheels have been tailor-made using Harley Davidson hubs, stainless steel spokes and Morad rims... It’s a show…

     L'idea alla base di questo progetto durato sei mesi era quella di realizzare una café racer unica, completamente artigianale, molto potente e con eccellenti caratteristiche dinamiche e di guidabilità. Forma e linee della moto sono state progettate da zero e sono state guidate dalle esigenze aerodinamiche e dalle misure vitali del telaio. Secondo la filosofia FMW, una moto deve essere perfettamente guidabile e altamente performante pur restando un vero pezzo d'arte. Tutto è nato dal telaio, proveniente da una Harley Davidson Shovel del 1968: non esattamente quello che normalmente si usa per costruire un cafe racer, ma sicuramente iconico e virtualmente indicato per una realizzazione fast and furious. Ovviamente il progetto ha implicato pesanti modifiche alla culla, necessarie per montare il nuovo big block, e al telaio ausiliario, essenziale per dare alla moto il giusto assetto e le forme racer. Il nuovo motore è un Super Stock S&S di 1600 cc, capace di almeno 95 CV e oltre 135 NM di coppia. Il forcellone è stato allungato e rinforzato con una capriata per poter utilizzare un nuovo monoammortizzatore Bitubo, concepito appositamente per questa moto, l’avantreno è Showa, proveniente da una MV Agusta F4 con idraulica messa a punto per la stazza della moto. L’accoppiata HD / MV è stato pensata come tributo alla fallita fusione tra i due marchi motociclistici che, alcuni anni fa, ha fatto sognare ai motociclisti di mezzo mondo moto uniche e innovative... Ma il sogno non si è mai avverato. Le piastre di sterzo sono state realizzate artigianalmente dal pieno. L'impianto frenante è dotato di due pinze Nissin a 6 pistoncini nella parte anteriore e una Performance Machine al posteriore: mordono entrambe dischi flottanti appositamente costruiti in acciaio inossidabile. Il potente bicilindrico da "mille&sei" presenta una trasmissione primaria a cinghia BDL, mentre la potenza viene inviata alla ruota tramite una classica catena. Il cambio è di una HD Softail del 1990, modificato con un attuatore idraulico della frizione. L'alimentazione è fornita da un carburatore Mikuni a valvola piatta da 48 mm che respira attraverso un cornetto artigianale in ottone massiccio. Il sistema di scarico custom in acciaio inossidabile comprende due collettori da 45 mm 2 in 1 e un silenziatore da 60 mm. La nuova carrozzeria e i dettagli sono stati espressamente realizzati in alluminio battuto a mano da 3 mm, e sono stati progettati per resistere alle “good vibrations” del powertrain. Il puntale nasconde il filtro dell'olio ed è sagomato per raffreddare i 5 kg di olio necessari. Il serbatoio del carburante e la coda sono costituiti da due elementi e nascondono l'impianto elettrico completamente riprogettato. Il faro anteriore è MV Brutale, mentre il cruscotto e i comandi elettrici sono forniti da Motogadget. L'accensione è gestita da un sistema NFC. Le ruote sono state realizzate appositamente con mozzi Harley Davidson, raggi in acciaio inossidabile e cerchi Morad… Spettacolo. 
















    Fugar Metal Worker - Ancona

    0 0
  • 12/01/17--15:23: Readers' rides Mike's CB

  • Honda CB500 Four custom rebuilt by Michele Merola

    Michele Merola is an hair stylist from Caserta... And builds bikes overnight for passion. This build won several awards in a number of customs contest around Italy: a superclassic cafe racer, rebuilt in style with the concepts of the early seventies, with several handmade billet details and a lot of work to hide the electrics inside the frame, keeping the lines as clean as possible... Michele is admittely inspired by the simple and elegant style of builders like Autofabrica, Old Empire Motorcycles and, useless to say, Kott... Well done Mike!

    Michele Merola, di Caserta, per vivere fa il parrucchiere... E costruisce moto di notte, per passione. Questa sua realizzazione ha vinto diversi premi in alcuni concorsi di bellezza per custom bikes in giro per l'Italia: una superclassica café racer, ricostruita in pieno stile primi anni settanta, con diversi dettagli ricavati a mano dal pieno e parecchio lavoro di fino per nascondere l'impianto elettrico all'interno del telaio mantenendo le linee più pulite possibili... Michele non nasconde di essersi ispirato allo stile semplice ed elegante di costruttori come Autofabrica, Old Empire Motorcycles e, inutile dirlo, Kott... Ben fatto Michele!












    0 0
  • 12/02/17--02:51: Wolf

  • MotoGuzzi V11 Sport"Wolf" by Nico Dragoni











    Nico Dragoni Motociclette - Cusago (Milano), Italy

    0 0
  • 12/03/17--02:08: Scorpio CR

  • Pure Street Yamaha Scorpio Cafe Racer 










    0 0
  • 12/03/17--03:57: Manipulated BSA

  • "The Manipulated" BSA 650 by J. Shia and Michael Ulmanin Boston










    http://www.madhousemotors.com/

    Madhouse Motors - Boston, MA (USA)

    0 0
  • 12/05/17--16:44: Paris-Dakar Monster

  • The very unusual Monster by MS Garage... Ready for the desert!

    The frame of this early 90's Ducati Monster 600 is still completely stock, the customization is fully reversible and the special parts can also be produced as a kit. The aluminium bodywork has been hand made by Manuele using 2 mm metal sheets for the fuel tank and the seatpan and 1,5 mm sheets for the fenders, the hand protections and the side panels.Most of the details (fuel cap, brackets, footpegs etc.) are billet handmade. The front light comes from an old kawasaki, while the tail light is Acerbis.The engine has been finished satin black. The fine paintwork is by Veper (Alberto Calzolari) based in San Giovanni in Persicieto (near Bologna). Well done!

    Il telaio di questa Monster 600 prima serie è rimasto completamente di serie, e la trasformazione è totalmente reversibile con le parti speciali che possono anche essere prodotte in kit. La carrozzeria in alluminio è stata fatta a mano da Manuele utilizzando lastre da 2 mm per il serbatoio e la base sella e da 1,5 mm per parafanghi, protezioni per le mani e pannelli laterali. La maggior parte dei dettagli (tappo serbatoio, staffe, pedane ecc.) sono stati ricavati a mano in alluminio dal pieno. Il faro è di una vecchia Kawasaki, mentre la luce posteriore è Acerbis. Il motore è stato finito in nero satinato. La bella verniciatura è di Veper (Alberto Calzolari) di San Giovanni in Persicieto (Bologna). Gran bel lavoro!












    0 0
  • 12/08/17--01:45: 695 SS

  • 1971 Abarth 695SS ("Esse esse") replica

    Main specs: air cooled OHV twin engine 689,54 cc; 10.5/1 compression ratio, 4 speeds, Solex 34 PBIC carb, 38 BHP @ 5,350 RPM; 1840mm wheelbase; 150 km/h.
















    Specifiche tecniche / Motore: bicilindrico in linea, posteriore longitudinale a sbalzo raffreddato ad aria; alesaggio e corsa 76x76 mm, cilindrata 689,54 cc, distribuzione aste e bilancieri, 2 valvole per cilindro, rapporto di compressione 10,5:1; alimentazione 1 carburatore Solex 34 PBIC; Potenza 38 cv a 5350 giri / Trasmissione: trazione posteriore, frizione monodisco a secco, cambio a 4 marce + RM; rapporto finale 4,9:1 / Pneumatici anteriori e posteriori 125 x 12” / Corpo vettura: berlina 2 porte, carrozzeria portante in lamiera di acciaio / Sospensioni: anteriori indipendenti, bracci triangolari superiori, balestra trasversale inferiore; posteriori indipendenti, bracci triangolari, molle elicoidali; freni anteriori e posteriori a tamburo, a richiesta anteriori a disco; sterzo a vite e settore / Capacità serbatoio benzina 21 litri / Dimensioni (in mm) e peso: passo 1840, carreggiate ant/post 1120/1135, lunghezza 2970, larghezza 1320, altezza 1320 Prestazioni: velocità massima 150 km/h 



    0 0
  • 12/10/17--09:21: PTT

  • 1975 Mobylette SP90 "PPT" by Pepo Rosell

    Specs: Mobylette Cady forks and wheels. XTR clip ons and front fairing Bracket. Gonelli brakes levers. Domino quick throttle and grips. Motoplat electronic rev counter. XTR rear regulable schocks aand aluminium footrest. Mobylette Cady swingarm. Modified stock frame. Regina gold chain. Engine bored to 70cc with reworked intakes, equilibrated and lightened crankshaft. Amal 16 carburator. XTR air filter. MVT Rotor and electronic ignition. Aluminium flywheel. Malossi racing ruber belt. Modified variator. Metrakit racing exhaust system. Custom body work: front mudguard, fairing and solo seat and modified SP 90 fuel tank. Paintwork Pintumoto.








    Inazumized photos by Cesar Godoy

    0 0
  • 12/10/17--10:19: The Pearl

  • Yamaha TR1 classic British style racer by Moto Adonis

    Main specs: Richman fairing, Triumph Bonneville gastank, GSXR front fork with Nissin brakes. Harley Davidson rimswearing Shinko tyres. Breambo rear disc brake. Custom rearframe. Custom seat by Miller. Porsche “Elfenbeinweiss” paintscheme. Custom stainless steel exhaust. DNA filters. Motone buttons, Motogadget blinker relay and Tiny classic speedo.
















    0 0
  • 12/10/17--12:22: Redefine the Nine T: 2 Loud

  • Latest from 馬溢成 (2 Loud!): R-Nine-T (yes it is) super scram-tracker

    Ma Yi Cheng’s wanted to redefine the concept of this R-Nine-T and break free from the orthodox café racer style, shaping the bike and the riding position in a pure, essential but elegant custom tracker way. At the same time, he attempted to downsize the generous stock bodywork to reveal more of the classic BMW boxer engine, while rebuilding the rear half of the frame to get a clean-cut outline, balancing aggressiveness and harmony. The front fork was dismantled, reset and matched with new color scheme. Stock wheels were bake painted metal gloss and now wear Pirelli MT60RS tyres to provide riders the proper grip on and off road. The new rear shock is a Gears Racing H2 for R-Nine-T. The head covers, belt pulley cover and shaft were painted pure glossy black. To make the engine breath at its best, a new stainless steel exhaust system was expressly designed and handmade with two beautiful small megaphones, while K&N high performance air filters substituted the stock airbox and snorkel. The new oil radiator was supplied by Arch Motors. Electrics were subject to major changes, including the relocation of most of the components such as control units, ABS, lithium battery, gas pump, and several cables. All the bike lights are new and now feature a chrome 4.5” retro style headlight, the MS Pro billet aluminium tail light and the alloy micro indicators. The new stainless steel handlebar is handmade, hides the switch cables and support the Brembo RCS brake master cylinder and the clutch cylinder. The bike frame behind the engine was completely redesigned and hand rebuilt. The new custom fuel tank was shaped from solo piece of flat iron sheet and is covered by a top-notch low-profile aluminum cover, obviously hand-carved. A very cool detail is the Motogadget Pro integrated instrument embedded in the aluminium cover. The other parts of the bodywork were handmade as well such as the fine telephone-receiver shaped side covers. Simple and light as a butterfly but super elegant: this is definitely one of my favourite R-Nine-t transformation ever. 

    Ma Yi Cheng ha voluto ridefinire il concetto di questa R-Nine-T liberandosi dallo stile ortodosso delle café racer, plasmando la moto e ripensando la posizione di guida in senso custom tracker, essenziale ma elegante. Allo stesso tempo, ha tentato di snellire, riuscendoci, la giunonica carrozzeria di serie per rivelare di più del classico motore boxer BMW, ricostruendo la parte posteriore del telaio per ottenere un contorno pulito, equilibrando aggressività e armonia. La forcella è stata smontata, risettata e finita cromo, in linea con la nuova livrea. Le ruote sono state finite cromo e ora indossano pneumatici Pirelli MT60RS per offrire la giusta aderenza sia su strada che fuori. Il nuovo ammortizzatore posteriore è un Gears Racing H2 per R-Nine-T. I coperchi delle teste e il cardano sono stati verniciati in nero lucido. Per far respirare al meglio il motore, è stato appositamente progettato e realizzato a mano un nuovo sistema di scarico in acciaio inossidabile con due bellissimi piccoli megafoni, mentre i filtri aria ad alte prestazioni K&N hanno sostituito l'airbox e lo snorkel originali. Il nuovo radiatore dell'olio è stato fornito da Arch Motors. L'impianto elettrico sono stato oggetto di modifiche importanti, tra queste: la migrazione della maggior parte dei componenti come centraline, ABS, batteria al litio, pompa del carburante e numerosi cavi. Tutte le luci sono nuove e ora annoverano un faro in stile retrò cromato da 4,5", la luce posteriore in alluminio billet MS Pro e i micro indicatori in lega. Il nuovo manubrio in acciaio inossidabile è fatto a mano, nasconde i cavi degli interruttori e supporta la pompa freno Brembo RCS e quella della della frizione idraulica. Il telaio dietro il motore è stato completamente ridisegnato e ricostruito a mano. Il nuovo serbatoio carburante artigianale è stato modellato da un unico pezzo di lamiera di ferro ed è coperto da un bellissimo coperchio in alluminio dal profilo filante, ovviamente battuto a mano. Un dettaglio molto interessante è lo strumento Motogadget Pro incorporato nella cover in alluminio. Anche le altre parti della carrozzeria sono state realizzate a mano, come i sottili panneli laterali a forma di cornetta telefonica. Semplice e leggera come una farfalla ma super elegante: questa è sicuramente una delle trasformazioni R-Nine-t che preferisco in assoluto.